Automotive

Venerdì 9 Dicembre 2022

Il mercato automobilistico in Turchia

Le vendite di veicoli elettrici (EV) in Turchia sono cresciute di quasi il 150% nei primi dieci mesi del 2022. Le statistiche del settore mostrano una tendenza all’aumento anche delle vetture ibride (benzina-elettrico) mentre sono in calo i motori alimentati con il diesel. Si stima che le vendite delle vetture elettriche in Turchia aumenterà sensibilmente nei prossimi anni sull’onda del lancio ufficiale dello scorso fine ottobre del primo SUV elettrico di produzione nazionale (vedi infra).

I veicoli elettrici venduti nei primi dieci mesi del 2022, secondo i dati diffusi dalla “Automotive Distributors Association” (ODD), segnano un aumento di vendite del 148,6% rispetto all’analogo periodo del 2021, quando furono vendute meno di due mila esemplari elettrici. Nel periodo in osservazione, le vendite di veicoli elettrici sono invece salite a circa 4 mila unità. Nei mesi gennaio-ottobre 2022, le vendite di tutti gli altri veicoli (inclusi quelli commerciali) sono diminuite del 4,7% attestandosi a sole 600 mila unità a causa dell’aumento dei prezzi quali conseguenza della carenza di componentistica che ha frenato la produzione negli ultimi due anni. Se si considerano le vendite delle sole auto a benzina, esse superano di poco le 300 mila unità mentre i motori diesel sono crollati del 23,1% con sole 74.677 unità vendute. Includendo la produzione di trattori e di altri mezzi per l’agricoltura, in totale, l'industria automobilistica in Turchia supera il milione di unità vendute.

Le auto alimentate a benzina hanno ottenuto una quota del 16,7% nelle vendite complessive nel periodo gennaio-ottobre 2022 (-20,4% sul 2021), mentre per quelle alimentate con motori diesel la quota è del 70,8%. Il mercato ibrido e quello elettrico in Turchia oggi rappresentano quote ancora minoritarie, rispettivamente l'1,1% ed il 9,8% sul totale, ma in forte crescita progressiva (erano dello 0,4% e dell'8,6% nei primi 10 mesi del 2021).

Dalle esportazioni di auto all’estero gli introiti del settore si sono avvicinati ai 25 miliardi di dollari (principalmente dirette ai mercati tedesco, russo, belga e rumeno). In Turchia si lavora anche al lancio di un minibus elettrico e sono all’esame i progetti legati alla tecnologia dell'idrogeno da applicare agli autoveicoli.

Nel frattempo, la Turchia ha recentemente rivisto le tasse sulle autovetture prodotte all’estero, aumentandone l’imposta a partire dalle cilindrate da 1.600 centimetri cubi (cc) al fine di incoraggiare l’acquisto di vetture “Made in Turkiye”. Nel 2021 i principali Paesi per le importazioni di auto in Turchia sono stati Germania (14,2& del totale), seguita da Francia (11,5%), Regno Unito (10,55), Italia (8&) e Spagna (5,5%).

Focus sul primo modello elettrico “made in Turchia” Nonostante la quota in Turchia di auto elettriche e ibride rimanga su livelli ancora molto bassi, cresce l’interesse dei consumatori per il lancio del primo veicolo elettrico prodotto in patria: si tratta di un SUV del segmento C prodotto da Togg a cominciare dal primo trimestre del 2023.

Oltre al segmento SUV, la Togg produrrà altri quattro modelli: una berlina, una C-hatchback, un B-SUV e un B-MPV entro il 2030.

Il primo SUV elettrico made in Turkiye è prodotto da un consorzio di cinque società turche e la capacità iniziale di produzione è di circa 100.000 veicoli all'anno, Il marchio TOGG mira a produrre 1 milione di veicoli nei cinque segmenti entro il 2030 con una successiva creazione di una JV per esportare il modello in Europa (Belgio in pole position) e poi nel resto del mondo. Il design è della Pininfarina, mentre la componentistica sarà per il 65% turca. La presentazione ufficiale si è svolta lo scorso 29 ottobre nella provincia nord-occidentale di Bursa (Gemlik) dove, su un'area di 1,2 milioni di metri quadrati, verrà costruito il SUV. L’infrastruttura elettrica dell’auto e’ stata affidata alla ditta locale “Farasis” per la produzione di batterie agli ioni di litio con una stima di ricarica di meno di 30 minuti e un’autonomia compresa tra 300 e i 500 chilometri. I test in pista hanno mostrato che la vettura impiegherà circa 7,6 secondi per accelerare da zero a 100 km/h grazie ad una potenza di 200 cavalli e meno di 4,8 secondi con il modello superiore da 400 cavalli.

Il Presidente Erdoğan ha definito la produzione del primo SUV elettrico della Turchia come “l’orgoglio nazionale condiviso da 85 milioni di turchi e un sogno che dura da 60 anni”. Il Presidente ha aggiunto che la realizzazione del primo SUV elettrico è la dimostrazione di quanto il Paese sia cresciuto negli ultimi 20 anni nel settore tecnologico, della ricerca scientifica e nello sviluppo di tecnologie avanzate per l’industria e l’agricoltura citando a tale riguardo come in poco tempo il numero di “TEKNOPARKS” in Turchia sia salito da 2 a 96 e quello delle Zone Economiche Speciali da 194 a 344.

Il Ministero dell'Industria e della Tecnologia ha stanziato inoltre 1,3 milioni di dollari per garantire gli investimenti in stazioni di ricarica, che dovrebbero aumentare vertiginosamente prima che i nuovi modelli di auto elettriche arrivino sulle strade turche nel 2023. Attualmente sono solo tremila le stazioni di ricarica in tutta la Turchia di cui solo duemila ad uso pubblico e solo 1/3 sono stazioni di ricarica rapida a corrente continua (la ricarica di un’auto elettrica rapida impiega tra i 30 minuti rispetto alle oltre 2 delle stazioni a corrente alternata).

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e Industria Italiana in Turchia)

Ultima modifica: Venerdì 9 Dicembre 2022
Venerdì 11 Novembre 2022

Il primo marchio automobilistico nazionale della Turchia è un SUV completamente elettrico

In concomitanza con il 99° anniversario della nascita ella Repubblica di Turchia, si è svolto lo scorso 29 ottobre nella provincia nord-occidentale di Bursa, la cerimonia di presentazione del primo SUV completamente elettrico di Togg. La nuova vettura è prodotta da un consorzio di cinque società turche sotto l’egida dell’Automobile Initiative Group of Türkiye (TOGG) in collaborazione con l'Unione of Chambery and Commodity Exchanges of Türkiye (TOBB) e la collaborazione strategica di Pininfarina. il primo prototipo è stato progettato nel 2020. Si tratta del primo concept intelligente per la mobilità sostenibile.

L'impianto dove verrà prodotto il nuovo SUV ricco di contenuti tecnologici, occupa un'area di 1,2 milioni di metri quadrati nel distretto di Gemlik di Bursa. Il lancio sul mercato locale è previsto nel primo trimestre del 2023 e si tratterà del primo SUV elettrico prodotto in Europa.

La Togg (100% turca) produrrà cinque diversi modelli elettrici, SUV ma anche Sedan ampliando la gamma. Il prototipo presentato appartiene al segmento C, quello della Jeep Compass e della Volvo C40. L’obiettivo dichiarato è di produrre 1 milione di veicoli entro il 2030.

Per la componentistica Togg ha optato per la società Farasis per la produzione di batterie agli ioni di litio con una stima di ricarica in meno di 30 minuti e un’autonomia compresa tra 300 chilometri e 500 chilometri. I test in pista hanno mostrato che la vettura impiegherà circa 7,6 secondi per accelerare da zero a 100 km/h grazie ad una potenza di 200 cavalli e meno di 4,8 secondi con il modello superiore da 400 cavalli. Bursa ospita altre case automobilistiche straniere tra cui la joint venture turco-francese Oyak Renault e Tofaş, una joint venture tra la Koç Holding di Türkiye e la casa automobilistica italo-americana Fiat Chrysler.

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e Industria Italiana in Turchia)

Ultima modifica: Venerdì 11 Novembre 2022
Venerdì 23 Settembre 2022

Repubblica Ceca - La produzione delle automobili torna a crescere

La produzione delle automobili in Repubblica Ceca è tornata in crescita. Lo ha indicato l’associazione di categoria AutoSap.

Da gennaio a fine agosto in Repubblica Ceca sono state prodotte oltre 801.000 automobili, il 3,4% in più rispetto al 2021. L’aumento è stato determinato dai buoni risultati nei mesi estivi. A penalizzare le aziende sono tuttavia gli aumenti dei costi; infatti, circa la metà delle imprese attende di finire l’anno in perdita.

Andamento molto buono nel settore degli autobus, la cui produzione è aumentata nei primi otto mesi dell’anno del 12,6% arrivando a 3361 mezzi. Iveco Czech Republic, socio Camic, ha prodotto circa 3000 mezzi.

Fonte: https://bit.ly/3C3ACT7

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e dell'Industria Italo-Ceca)

Ultima modifica: Venerdì 23 Settembre 2022
Venerdì 16 Settembre 2022

I piani della BYD per le fabbriche in Thailandia sottolineano l’andamento globale dell’industria cinese dei veicoli elettrici

BYD, il più grande produttore mondiale di veicoli elettrici, ha annunciato che i fornitori cinesi stanno approfittando della crescente domanda di veicoli a risparmio energetico per espandersi a livello globale.

Warren Buffet ha affermato di aver firmato un contratto con WHA Corp.Public Company Ltd, il principale sviluppatore thailandese di aree industriali, per l'acquisto di terreni per la costruzione di autovetture elettriche nel paese del sud-est asiatico. Secondo la BYD, la produzione dovrebbe iniziare nel 2024 con una capacità annua di circa 150.000 veicoli per il mercato tailandese e per l'esportazione. Quello thailandese sarà il primo impianto interamente di proprietà della BYD per la produzione di autovetture che si trova al di fuori della Cina. [...]

Le società cinesi impegnate nell’industria dei veicoli elettrici (EV) sono competitive a livello globale, il che è dovuto sia al loro tempestivo avvicinamento a questo tipo di mercato che al desiderio di superare i vecchi operatori globali che dominano nella tecnologia tradizionale dei motori a combustione interna. Secondo un report condotto dalla International Energy Agency, nel 2021 sono stati venduti in Cina 3.3 milioni di veicoli elettrici, più di quanti ne siano stati venduti in tutto il resto del mondo. [...]

Fonte: https://bit.ly/3QPT2eu

 

(Contenuto editoriale a cura della Thai-Italian Chamber of Commerce)

Ultima modifica: Venerdì 16 Settembre 2022
Lunedì 12 Settembre 2022

Slovacchia - Porsche si espande a Dubnica nad Váhom

La casa automobilistica tedesca Porsche ha in programma di espandere la propria officina di utensili a Dubnica nad Váhom. L'investimento, non specificato, non aumenterà la forza lavoro. L'anno scorso l'impianto, che conta 160 dipendenti, ha registrato vendite per 18 milioni di euro. Porsche sta inoltre pianificando un investimento di 200 milioni di euro per l'assemblaggio di batterie per auto elettriche a Horná Streda.

Fonte: https://bit.ly/3qtYCIL

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio Italo-Slovacca)

 

Ultima modifica: Lunedì 12 Settembre 2022
Venerdì 5 Agosto 2022

Automotive – Germania e Italia a confronto – Focus luglio 2022

L’industria delle forniture nel settore automobilistico è di fondamentale importanza sia per l’economia tedesca che per quella italiana. Con 2.200 aziende, 161.000 dipendenti e un fatturato di 45 miliardi di euro, l’industria italiana delle forniture occupa una posizione di rilievo a livello internazionale. In Germania, invece, nel 2021, circa 290.800 persone erano impiegate in questo settore e si è registrato un fatturato di 79,67 miliardi di euro. L’industria automobilistica italiana e quella tedesca sono anche strettamente interconnesse: i produttori tedeschi, che si riforniscono dall’Italia di un’ampia gamma di parti e componenti di alta qualità per l’assemblaggio (come pezzi speciali per motori, trasmissioni, frizioni, fusioni, parti metalliche, plastiche ecc.) sono il cliente più importante dell’Italia.

L’industria automobilistica è caratterizzata da complesse catene di fornitura. La pandemia di Covid-19 ha evidenziato ancora una volta la vulnerabilità di queste catene globali. Infatti, le interruzioni di produzione nei singoli Paesi, la carenza di materiali e di prodotti primari come i semiconduttori sono tutti fattori che hanno provocato brevi interruzioni nelle catene di approvvigionamento. Secondo la società di consulenza globale AlixPartners, nel 2021 sono stati prodotti 7,7 milioni di veicoli in meno in tutto il mondo a causa della crisi dei semiconduttori. In più, la dipendenza da singoli fornitori si è rivelata problematica in quanto non consente facilmente il passaggio ad altri produttori per via dell’elevato grado di specializzazione. In questo contesto, la deglobalizzazione è spesso citata come soluzione chiave. Tuttavia, non ci si può aspettare che essa avvenga nel medio termine, poiché andrebbe di pari passo alla perdita di specializzazione, alla minore diversità dei prodotti e alla perdita dei vantaggi comparativi.

Oltre al pilota automatico o al car sharing, l’elettrificazione della catena cinematica è una delle tendenze più importanti del settore automotive. Solo in Germania, nel 2021 sono stati immatricolati oltre 681.000 veicoli elettrici, raddoppiando il risultato ottenuto l’anno precedente. In Italia, la joint venture ACC ha recentemente annunciato l’apertura di una gigafactory a Termoli per le batterie delle e-car, a conferma della tendenza alla mobilità elettrica. La produzione delle prime celle per batterie è prevista per il 2026. Nel 2030, la fabbrica di batterie raggiungerà la piena capacità con circa 2.000 dipendenti. In Germania, invece, il Ministero federale tedesco dell’Economia e della Protezione del Clima ha stanziato 16,66 milioni di euro per un impianto pilota - chiamato “LiBinfinity” - per il riutilizzo delle batterie agli ioni di litio. L'impianto, con una capacità annua di ca. 2500 tonnellate, sarà costruito presso il sito Mercedes-Benz di Kuppenheim.

Fonti: https://bit.ly/3zZMu7O; https://bit.ly/3bt4fDe; https://bit.ly/3JwhaR8; https://bit.ly/3P19mIg; https://bit.ly/3d9wffi; https://bit.ly/3oXKG96  

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio Italiana per la Germania)

 

Ultima modifica: Venerdì 2 Settembre 2022
Venerdì 29 Luglio 2022

La Thailandia mette in campo nuove misure per sviluppare la produzione di veicoli elettrici

Il governo thailandese ha approvato durante il Consiglio dei Ministri di martedì 26 Luglio 2022 di tagliare i dazi applicati su tutti quei componenti che vengono importati per produrre le batterie dei veicoli elettrici nelle zone di libero scambio indicate dalla Industrial Estate Authority of Thailand. L’esenzione punta ad aumentare la produzione di veicoli elettrici all’interno dei confini del Regno e sarà attiva per il triennio 2022-2023 secondo la prima decisione del governo. Inoltre, il Consiglio dei Ministri ha approvato un taglio delle tasse dell’80% sul bollo auto dei veicoli elettrici acquistati nel periodo fra ottobre 2022 e settembre 2025. 


Fonte: https://bit.ly/3oFC2Mi

 

(Contenuto editoriale a cura della Thai-Italian Chamber of Commerce)

Ultima modifica: Venerdì 29 Luglio 2022
Giovedì 21 Luglio 2022

General Motors torna a investire nella città di Rosario

Il colosso automobilistico statunitense General Motors ha recentemente annunciato l’intenzione di avviare l’assemblaggio di un nuovo modello nel suo stabilimento di Rosario.

Si tratta del Chevrolet Tracker, un SUV già in produzione per il mercato sudamericano presso uno stabilimento in Brasile, che a partire da questo mese comincerà ad essere prodotto anche qui in Argentina, nella rinnovata fabbrica di Rosario. Un veicolo dall’equipaggiamento tecnologico avanzato con architettura globale e alto valore aggiunto, che ha portato GM ad investire oltre 300 milioni di dollari nello stabilimento di Rosario, in beni di investimento, costruzioni civili e infrastrutture con conseguente espansione edilizia di 50.000 m2 nonché acquisizione e costruzione di matrici, dispositivi automatici, robot e beni strumentali della linea di produzione.

Con questo progetto, l’impianto passerà dagli attuali 80.000 a 115.000 veicoli annui prodotti, dei quali almeno l’80% sarà destinato all’esportazione. La città di Rosario si conferma in questo modo punto di riferimento per l’industria automobilistica Argentina, come una realtà dal posizionamento strategico per il suo porto fluviale e snodo decisivo per il trasporto terrestre.

 

(Contenuto editoriale a cura della Cámara de Comercio Italiana de Rosario)

Ultima modifica: Giovedì 21 Luglio 2022
Mercoledì 6 Luglio 2022

Dopo Volvo un altro investimento miliardario in Slovacchia

La casa automobilistica svedese Volvo, di proprietà della cinese Geely, costruirà un nuovo stabilimento da 1,2 miliardi di euro vicino a Košice e darà lavoro a 3.300 persone e stimolerà l'intera regione. Lo Stato fornirà un incentivo all'investimento pari a 267 milioni di euro, in contanti e non sotto forma di sgravi fiscali. L'impianto, con una capacità di produzione di 250.000 autovetture all'anno, inizierà la produzione nel 2026. I suoi fornitori dovrebbero creare altri 10.000 posti di lavoro. Lo Stato ha deciso che costruirà un centro per la formazione dei lavoratori del settore automobilistico vicino a Košice. Verranno investiti circa 40 milioni di euro ed il centro servirà principalmente Volvo ed i suoi fornitori. Il governo ha inoltre approvato un ulteriore investimento di 123 milioni di euro per lo sviluppo del parco industriale di Valaliky, dove Volvo collocherà il suo stabilimento.

Il ministro dell'Economia Richard Sulík ritiene che un altro investimento simile, del valore di alcuni miliardi e con la creazione di 5.000 posti di lavoro, arriverà quest'anno a Šurany, vicino a Nitra. Secondo i media potrebbe trattarsi di un impianto per la produzione di batterie elettriche della Volkswagen.

Fonte: https://bit.ly/3uuGSPT  

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio Italo-Slovacca)

Ultima modifica: Mercoledì 6 Luglio 2022
Mercoledì 6 Luglio 2022

Volvo ha deciso a favore della Slovacchia, arriva la quinta fabbrica di automobili

Dopo molti decenni, un importante investimento chiave sta arrivando all’est del paese, la svedese Volvo costruirà la sua terza fabbrica automobilistica europea nel parco industriale di Valaliky, comune facente parte del distretto di Košice, dove produrrà auto con trazione puramente elettrica. Questa sarà la quinta fabbrica di automobili presente in Slovacchia.

Il valore dell'investimento raggiunge 1,2 miliardi di euro. La costruzione inizierà nel 2023, l'installazione delle linee di produzione avverrà un anno dopo e la produzione in serie dovrebbe iniziare nel 2026. Per il momento si stanno preparando a produrre 250.000 auto elettriche all'anno, ma il parco industriale offre l'opportunità di espandere la fabbrica in un secondo momento. "Faremo di tutto per produrre solo auto puramente elettriche entro il 2030 e la fabbrica slovacca contribuirà notevolmente al raggiungimento di questo obiettivo", ha affermato ieri a Bratislava Jim Rowan, direttore di Volvo Cars, alla firma del contratto sull’investimento.

Secondo il ministro dell'Economia Richard Sulík (SaS) è un enorme successo, poiché è risaputo che anche Polonia e Ungheria hanno tentato di acquisire il marchio. Alla fine, è stato il parco industriale, ben preparato, a convincere gli svedesi. "Abbiamo raggiunto il nostro grande obiettivo. Volevamo portare un investimento a est che creasse migliaia di posti di lavoro diretti e indiretti nella regione", ha affermato Sulík, aggiungendo che grazie a questo investimento migliaia di persone potranno tornare in Slovacchia dall'estero.

Secondo Eduard Heger, l'arrivo di Volvo è importante sotto diversi aspetti. "L'investimento arriverà principalmente a est, riducendo così le differenze regionali e rafforzando la situazione sociale ed economica della regione. D'altra parte, la fabbrica produrrà solo auto elettriche, quindi l'industria automobilistica slovacca sarà in grado di mantenere la sua competitività in futuro", ha affermato il primo ministro. Tra il 2025 e il 2027, 3.300 persone saranno impiegate nello stabilimento Volvo, ma la rete di fornitori può impiegare più di diecimila persone.

Alla conferenza stampa di ieri era presente anche il ministro delle Finanze Igor Matovič (OĽaNO), il quale ha rivelato che la Slovacchia contribuirà all'investimento con un totale di 267 milioni di euro, e questo sostegno ha anche contribuito in larga misura al fatto che il parco industriale è stato il vincitore del concorso internazionale.

Fonte: https://bit.ly/3IpVg1C

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio Italo-Slovacca)

Ultima modifica: Mercoledì 6 Luglio 2022