Notizie mercati esteri

Mercoledì 31 Maggio 2023

Trias vince a Barcellona, ma il PSC recupera il sindaco con un patto di sinistra

Il candidato di Junts ha ottenuto 11 seggi contro i 10 del socialista Jaume Collboni e i 9 di Ada Colau (Bcomú). Il triplo pareggio a Barcellona che i sondaggi indicavano ha portato a una notte di suspense nella capitale catalana domenica 28 maggio, in cui Junts per Catalunya, con Xavier Trias in testa, è finalmente riuscita a guidare il conteggio con 11 consiglieri. Era in vantaggio di un seggio, ma non è chiaro se riuscirà a governare la città, visto che il PSC è arrivato secondo con 10 consiglieri e Ada Colau con nove, ma a poche decine di voti dal sorpasso del socialista Jaume Collboni.

I patti decideranno se Trias tornerà o meno alla carica di sindaco otto anni dopo essere stato estromesso da Colau. Quello che è già certo è che il sindaco non potrà rimanere in carica nemmeno con i patti, perché è Collboni che è in grado di guidare una maggioranza alternativa a Trias. Il socialista si è proposto la scorsa domenica per guidare un accordo di sinistra, per il quale sarebbe necessario l'appoggio dei comunes e di Esquerra Republicana. Il riconteggio è stato particolarmente complicato perché fino all'ultimo momento c'era la possibilità che il PSC perdesse un seggio a favore di Colau, il che avrebbe portato il sindaco al secondo posto e in posizione di guida della maggioranza alternativa di sinistra.

Fonte: https://tinyurl.com/4x8xas48

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio Italiana – Barcellona)

Ultima modifica: Mercoledì 31 Maggio 2023
Martedì 30 Maggio 2023

EAU - Espansione della compagnia Flydubai

Nell'ambito della sua espansione, la compagnia aerea Flydubai, con sede a Dubai, ha annunciato l'intenzione di assumere oltre 1.000 dipendenti quest'anno. La compagnia aerea, che opera voli verso oltre 110 destinazioni in Medio Oriente, Africa, Europa e Asia, rafforzerà la propria forza lavoro in vari reparti.

Il vettore low-cost con sede negli Emirati Arabi Uniti ha inserito 320 dipendenti dall'inizio di quest'anno e inserirà più di 800 nuovi dipendenti per varie posizioni in tutta l'azienda entro la fine del 2023.

Fonte: https://tinyurl.com/382eccy3

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti)

 

Ultima modifica: Martedì 30 Maggio 2023
Lunedì 29 Maggio 2023

La riforma fiscale combatte il contenzioso miliardario e aumenta l'attrazione degli investimenti in Brasile

Il segretario straordinario per la riforma fiscale, Bernard Appy, ha spiegato in un'intervista alla CNN come la riforma possa combattere il contenzioso miliardario che si accumula in Brasile e aumentare l'attrazione degli investimenti nel Paese.

Uno studio realizzato dal ricercatore del Centro Ricerche Fiscali dell'Insper, Breno Ferreira Martins Vasconcelos – e utilizzato dal gruppo di lavoro sulla riforma alla Camera [dei Deputati] – stima un contenzioso fiscale di Real BRL 322 miliardi tra le più grandi aziende del Paese.

L'idea è che, poiché le regole sono più semplici, ci sarà meno possibilità di interpretazioni divergenti della legislazione. Con una norma più ampia e chiara, l'effetto tende ad essere molto positivo dal punto di vista della riduzione del contenzioso relativo alle imposte indirette”, afferma il segretario.

Lo studio del professore dell'Insper indica che dei 370 mila CNPJ attivi nel ​​Profit Reale, 751 sono iscritti alla Commissione di Valori Mobiliari (CVM). Di queste aziende, 374 dichiarano di avere processi fiscali di consumazione. Questi contenziosi ammontano a Real BRL 222 miliardi.

La “lotta” al contenzioso legato ai consumi è uno dei punti focali della riforma dell'Imposta sul Valore Aggiunto (IVA), la prima priorità del governo federale.

Nel caso delle imposte indirette, in questo caso PIS/Cofins e ICMS, uno dei principali punti di contenzioso è la definizione di ciò che dà credito d'imposta. E, infatti, nella riforma fiscale questo sarà estremamente chiaro, tutto ciò che viene utilizzato nell'attività produttiva darà credito”, spiega Appy.

Secondo Appy, anche la riforma dell'imposta sui redditi, che verrà dopo l'IVA, ha tra gli obiettivi "fare più chiarezza per voci con interpretazioni divergenti che generano contenzioso".

Basandosi anche su documenti di aziende attive della CVM, il ricercatore Insper ha riscontrato circa Real BRL 100 miliardi in contenziosi IRPJ. È da sottolineare che questi dati potrebbero essere sottostimati, poiché alcune aziende non pubblicano informazioni contabili in Brasile.

Il segretario spiega che la riforma ha anche un “effetto secondario” che genera investimenti, poiché porta maggiore certezza giuridica al contesto del Paese e riduce il cosiddetto “costo Brasile”.

Il contenzioso ha due effetti per le aziende, uno degli effetti è il costo del contenzioso, che è estremamente alto in Brasile, sia per le aziende che per lo stesso Fisco, per il governo. E il secondo effetto è che riducendo il contenzioso si aumenta la sicurezza degli investimenti, il che tende ad avere un effetto positivo sul livello degli investimenti”, dice.

 

Il Ministero intensifica le trattative

Bernard Appy ha anche affermato che il governo federale ha intensificato le trattative per la riforma dopo l'approvazione del quadro fiscale alla Camera dei Deputati. Secondo il segretario, il ministro delle Finanze, Fernando Haddad, è entrato “direttamente” nell'articolazione della questione.

Appy ha anche affermato di vedere “una prospettiva molto positiva per l'approvazione della riforma alla Camera dei Deputati entro la fine del semestre legislativo”. Ha inoltre sottolineato che le prossime settimane saranno vitali per rendere la riforma politicamente praticabile.

Credo che l'umore sia abbastanza positivo. Ovviamente c'è ancora molta trattativa. Le prossime settimane saranno molto importanti per definire i punti che saranno necessari per rendere politicamente percorribile l'approvazione della riforma, sia dal punto di vista di eventuali resistenze settoriali, sia dal punto di vista di eventuali resistenze federative", ha detto.

Fonte: https://tinyurl.com/9j4d4fnk

Acronimi: Insper - Istituto di Insegnamento e Ricerca; CNPJ - Numero Registro Imprese in Brasile; PIS - Programma di Integrazione Sociale; Cofins - Contributo al finanziamento della previdenza sociale; ICMS - Imposta sulla circolazione di merci e servizi; IRPJ - Imposta sul reddito delle aziende.

 

(Contenuto editoriale a cura della Câmara de Comércio Italiana de São Paulo - ITALCAM)

Ultima modifica: Lunedì 29 Maggio 2023
Lunedì 29 Maggio 2023

Rep. Ceca - I prezzi dei terreni hanno continuato a crescere anche nel primo trimestre dell’anno

I prezzi dei terreni hanno continuato a crescere anche nel primo trimestre di quest’anno, mentre quelli delle case e degli appartamenti hanno registrato una flessione. Lo indica l’indice dei prezzi immobiliari HB Index, che viene preparato dalla ČSOB, socio Camic.

Nel settore dei terreni la domanda continua a superare fortemente l’offerta, nota l’indice. I prezzi rispetto al trimestre precedente sono quindi cresciuti quasi del 4%, mentre nel confronto anno su anno sono aumentati di un quinto.

Diversa invece la situazione degli appartamenti e delle case, che stanno vivendo una frenata della domanda. Nel caso degli appartamenti, i prezzi sono diminuiti rispetto al trimestre scorso del 2,5 percento mantenendo un lieve aumento tendenziale del 2,9 percento. I prezzi delle case sono diminuiti nel confronto tra i trimestri dello 0,1 percento mantenendo una buona crescita annua del 9%. In forte calo secondo l’indice è l’interesse per gli immobili di grande metratura e per le secondo case.

Fonte: https://tinyurl.com/5hbys5ds

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e dell'Industria Italo-Ceca)

Ultima modifica: Lunedì 29 Maggio 2023
Lunedì 29 Maggio 2023

L’economia ceca raggiungerà i livelli pre-pandemia a fine anno

A fine anno l’economia ceca raggiungerà i livelli pre-pandemia di Covid-19. Lo ha indicato nella sua previsione la Commissione Europea.

Bruxelles ha migliorato le stime di crescita della Repubblica Ceca. Quest’anno il Prodotto Interno Lordo dovrebbe crescere dello 0,2 percento e il prossimo anno del 2,6 percento. La crescita frenerà quest’anno soprattutto per via del calo dei consumi interni causato dalla diminuzione del potere d’acquisto delle famiglie.

Quest’anno l’inflazione dovrebbe rimanere quest’anno significativa sfiorando il 12 percento. Si tratta del secondo dato più alto in tutta l’Unione Europea. Il prossimo anno si prevede che i prezzi aumenteranno del 3,4 percento.

Fonte: https://tinyurl.com/38u6av73

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e dell'Industria Italo-Ceca)

Ultima modifica: Lunedì 29 Maggio 2023
Lunedì 29 Maggio 2023

Rep. Ceca - La maggior parte delle imprese sono soddisfatte con il cambio della corona

La maggior parte delle imprese sono soddisfatte con l’attuale cambio della corona ceca nei confronti dell’euro. Lo indica un’indagine della ČSOB.

Nell’inchiesta tra circa 400 imprese il 51 percento delle aziende si è detto soddisfatto con l’attuale cambio. Circa un terzo delle imprese è soddisfatto “a metà”, mentre il 15 percento delle aziende ritiene insoddisfacente il cambio. “Oltre alla banca centrale il corso della corona è favorevole agli importatori, che vedono un calo dei costi per gli acquisti di input dall’estero” ha indicato il direttore per il corporate banking della ČSOB Pavel Prokop.

La corona ceca si è rafforzata in maniera significativa nei confronti dell’euro nell’ultimo anno scendendo sotto le 23,5 corone ceche per euro. Le imprese prevedono che verso la fine dell’anno il cambio supererà nuovamente la soglia di 24 corone ceche per euro.

Fonte: https://tinyurl.com/2p8u9k4d

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e dell'Industria Italo-Ceca)

Ultima modifica: Lunedì 29 Maggio 2023
Lunedì 29 Maggio 2023

Il 3% dei dipendenti cechi percepisce più di 100.000 corone al mese

Poco più del 3% dei dipendenti cechi percepisce un reddito da lavoro lordo superiore a 100.000 corone ceche al mese. Lo indicano i dati pubblicati dall’Ufficio di Statistica Ceco relativi all’anno 2022.

A percepire un reddito da lavoro superiore a 100.000 corone ceche è quasi il 5% dei dipendenti maschi ma meno del 2% dei dipendenti femmine. Percepiscono un reddito medio superiore a 100.000 corone al mese solo gli alti dirigenti nel settore pubblico e privato. Queste categorie presentano anche lo share maggiore della componente non fissa legata al raggiungimento di risultati sul mercato di lavoro. Hanno chance molto basse di percepire un reddito mensile a sei cifre le persone senza almeno una laurea quinquennale.

Circa il 40% dei dipendenti cechi ha percepito lo scorso anno un reddito da lavoro compreso tra le 30.000 e le 50.000 corone al mese. Circa il 30% dei dipendenti ha invece percepito un reddito da lavoro inferiore a 30.000 corone ceche al mese. Lo stipendio medio era di 37.418 corone ceche. Ciò significa che metà dei dipendenti percepiva un reddito maggiore a questa cifra e l’altra metà aveva uno stipendio inferiore.

Fonte: https://tinyurl.com/ycx844r5

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e dell'Industria Italo-Ceca)

Ultima modifica: Lunedì 29 Maggio 2023
Lunedì 29 Maggio 2023

Il governo ha approvato la più grande commessa militare nella storia della Repubblica Ceca

Il governo ha approvato questa settimana la più grande commessa militare nella storia della Repubblica Ceca. Il governo ha deciso l’acquisto di circa 250 mezzi cingolati per trasporto truppe per un valore di quasi 60 miliardi di corone.

Secondo il Ministro della Difesa Jana Černochová si tratta di una decisione chiave “per la modernizzazione dell’esercito e l’aumento della nostra capacità di difesa”. Il governo ha condotto la trattativa per l’acquisto dei mezzi corazzati direttamente con la Svezia dopo il fallimento di un bando di gara nel 2021.

A fornire i mezzi sarà la società svedese BAE con i suoi cingolati CV90. Per Praga un elemento chiave è la partecipazione dell’industria di difesa locale alla produzione dei nuovi mezzi, che dovrebbe essere garantita al 40% del valore del progetto. Secondo i media la società svedese avrebbe tuttavia difficoltà a trovare dei fornitori cechi adeguati a raggiungere la soglia prevista.

Fonte: https://tinyurl.com/f9wzts47

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e dell'Industria Italo-Ceca)

Ultima modifica: Lunedì 29 Maggio 2023
Lunedì 29 Maggio 2023

Secondo il premier ceco l'Euro non è un tema per questa legislatura

L’entrata della Repubblica Ceca nell’eurozona non è un tema che riguarda questa legislatura. Lo ha detto il premier Petr Fiala in un’intervista all’Agenzia di Stampa Ceca (ČTK). Il governo continua a lavorare alla possibilità di tenere la contabilità nella moneta unica.

Data la situazione economica, l’entrata nell’eurozona non è un tema attuale che dobbiamo affrontare in questa legislatura” ha detto il premier. Secondo il Capo del governo ceco sarà possibile riaprire il dibattito sull’adesione alla moneta unica quando la Repubblica Ceca comincerà a soddisfare i criteri di Maastricht.

Il premier ha anche confermato l’impegno preso dal governo di permettere alle imprese di tenere la contabilità in euro. “Ma non è affatto semplice dal punto di vista legislativo e sotto altri aspetti” ha detto il capo del governo ceco. Secondo le dichiarazioni precedenti la possibilità potrebbe essere introdotta a partire dal 2025.

Fonte: https://tinyurl.com/bddk7uu8

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e dell'Industria Italo-Ceca)

Ultima modifica: Lunedì 29 Maggio 2023
Lunedì 29 Maggio 2023

I cechi sostengono il sistema di vuoto a rendere per tutti gli imballaggi

La stragrande maggioranza dei cechi sostiene il sistema di vuoto a rendere per tutti i tipi di imballaggi utilizzati per le bevande. Lo indica un’indagine dell’agenzia STEM per la società Ball.

Ben l’84% dei cechi sostiene l’introduzione del sistema per tutti i tipi di imballaggi. Tuttavia, circa un quarto dei consumatori dichiara che sceglierebbe la bevanda nel contenitore più economico, quindi quello probabilmente non gravato dall’acconto tipico per il vuoto a rendere. L’utilizzo quanto più ampio del sistema, quindi, eviterebbe la concorrenza tra i diversi tipi di imballaggi.

Attualmente il vuoto a rendere funziona in Repubblica Ceca per alcuni tipi di bottiglie in vetro. Dopo anni di richieste dei maggiori gruppi del settore beverage il Ministero dell’Ambiente sta preparando una legge che estenderebbe il sistema anche alle bottiglie in plastica e alle lattine.

Fonte: https://tinyurl.com/bdnkam82

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e dell'Industria Italo-Ceca)

 

Ultima modifica: Lunedì 29 Maggio 2023