Notizie mercati esteri

Mercoledì 1 Settembre 2021

Germania - Focus settore tecnologie: l'intelligenza artificiale a supporto delle situazioni di crisi

Il Ministero federale dell'economia e dell'energia (BMWi) sta finanziando, nell’ambito della Artificial Intelligence Innovation Competition, quattro nuovi progetti di ricerca sulla prevenzione e la gestione delle crisi.  

L'obiettivo generale è quello di fornire nuovi e innovativi aiuti decisionali e servizi elettronici personalizzati con l'aiuto dell'intelligenza artificiale. I progetti devono sviluppare e testare soluzioni concrete per le aziende, l'amministrazione, la politica e la ricerca come punti di partenza per offerte e modelli di business praticabili e conformi alla protezione dei dati.

I quattro progetti: il progetto SPELL (Semantic Platform for Intelligent Decision-making and Operational Support in Control Centres and Situation Management) sta sviluppando una piattaforma per un processo decisionale intelligente e un supporto operativo nei centri di controllo e nella gestione delle situazioni di crisi. Il nucleo del progetto ResKriVer (Communication & Information Platform for Resilient, Crisis-Relevant Supply Networks) è lo sviluppo e l'implementazione di una piattaforma per la raccolta, la generazione e la comunicazione di informazioni rilevanti per le crisi. Nel progetto CoyPu (Cognitive Economy Intelligence Platform for the Resilience of Economic Ecosystems) si sta sviluppando una piattaforma in grado di poter fare previsioni di alta qualità e aggiornate in relazione alle crisi del futuro. Inoltre, è in fase di sviluppo il progetto PAIRS (Privacy-Aware, Intelligent and Resilient CrisiS Management) che dovrebbe essere in grado di prevedere e identificare scenari di crisi in modo più rapido e affidabile in futuro.

Il BMWi mira a promuovere con un finanziamento di 44 milioni di euro l'applicazione dell'intelligenza artificiale tra le PMI in Germania. Le iniziative di collaborazione appena lanciate saranno finanziate per un periodo di tre anni.

 

Fonte: https://bit.ly/3ziBW0N

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio Italiana per la Germania)

Ultima modifica: Mercoledì 1 Settembre 2021
Mercoledì 1 Settembre 2021

Tre aziende di Rosario si uniscono per rivoluzionare il campo della salute

Diagnóstica è l’innovativa startup rosarina che opera in campo medico attraverso l’utilizzo di diverse tecnologie digitali. Diagnóstica nasce dall’unione di tre imprese della città, Doc24, Inventu e Sensify, che hanno deciso di condividere le proprie competenze ed esperienze per offrire un servizio di monitoraggio e controllo per pazienti in forma remota.

La nuova startup parte dall’idea di potenziare le video-consultazioni ma mira soprattutto a risolvere i problemi che subentrano con la telemedicina e con l’importazione di tali tecnologie. In particolare, la squadra a capo di Diagnóstica ha sviluppato tre diversi servizi a seconda del luogo di utilizzo. Il primo, “Estación Diagnóstica”, è una cabina in grado di mettere in comunicazione medici e pazienti, pensata per luoghi con un alto flusso di persone. Il secondo, “Multidiagnóstica”, è stato concepito per effettuare diverse funzioni, come checkup e consultazioni, è stato pensato per i centri medici e potrebbe risultare funzionale per le piccole città. Infine, “Mi Diagnóstica” è il kit progettato per le famiglie che vivono prevalentemente lontane dagli ospedali.

Il CEO di Diagnóstica ha affermato che la prima unità è stata già venduta e che sono in trattativa per commercializzare i loro prodotti anche fuori dall’Argentina. Così, la startup di Rosario è riuscita a trarre vantaggio dalla spinta pandemica creando un servizio medico all’avanguardia.

 

(Contenuto editoriale a cura della Cámara de Comercio Italiana de Rosario)

 

Ultima modifica: Mercoledì 1 Settembre 2021
Mercoledì 1 Settembre 2021

La Cina sperimenta una maggiore flessibilità per il cambio di valuta estera

I regolatori finanziari cinesi hanno avviato un programma pilota che permetterà ad alcune società multinazionali di acquistare valute estere a loro discrezione, senza dover chiedere autorizzazione prima di ogni transazione.

La prima parte della sperimentazione si svolgerà nella capitale, Pechino, e a Shenzhen, hub tecnologico della Cina meridionale. Inizialmente coinvolgerà importanti società multinazionali con rating di credito relativamente elevati e mirerà a facilitare l’utilizzo transfrontaliero dei fondi. Per i pagamenti all’estero, le multinazionali saranno in grado di acquistare valute estere, entro certi limiti, e depositare il denaro nei principali conti bancari nazionali dei loro cash pools transfrontalieri.

A Pechino, cinque multinazionali, tra cui il gigante del petrolio Royal Dutch Shell, prenderanno parte a questo processo. Le altre quattro sono imprese di proprietà statale e controllate dal governo centrale cinese, tra queste il gigante petrolifero e chimico Sinochem Group e il conglomerato aeronautico Aviation Industry Corp Of China. L'elenco dei partecipanti a Shenzhen non è stato ancora reso noto.

La nuova norma potrebbe segnare una svolta nel lungo processo di apertura del conto capitale cinese. Attualmente le società multinazionali devono richiedere l'approvazione dello State Administration of Foreign Exchange (SAFE) per l’acquisto di valuta estera in Cina. Tali controlli limitano la possibilità delle imprese di acquistare e vendere valuta estera e sono finalizzati a proteggere il mercato interno dalle fluttuazioni valutarie.

Il programma pilota contribuirà al processo di internazionalizzazione dello yuan, che offrirebbe alla Cina diversi vantaggi, quali, ad esempio, costi di indebitamento inferiori e rischio di cambio ridotto.

L'apertura del conto capitale da parte della Cina continentale è stato un processo lento, poiché Pechino ha mantenuto stretti controlli sui capitali per proteggere l'economia cinese dall’instabilità. Queste restrizioni hanno però compromesso l’attrattiva dello yuan come valuta internazionale.

Inoltre, questa nuova iniziativa standardizzerà le regole e l'amministrazione dei cash pools locali ed esteri delle società multinazionali, al momento gestiti separatamente. L’attuale divisione crea notevoli inconvenienti alle società straniere, che cercano di fare affari in Cina.

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio Italiana in Cina)

Ultima modifica: Mercoledì 1 Settembre 2021
Mercoledì 1 Settembre 2021

Investimenti: i valori dei flussi in Brasile nel 2020

In un periodo di incertezze riguardo il futuro del Brasile, dovuto alla pandemia del nuovo Coronavirus, gli investimenti diretti esteri (IED) hanno raggiunto 34,2 miliardi di dollari, il 2,38% del PIL del paese, meno della metà dei 69,2 di dollari (3,68% del PIL) registrati nello stesso periodo nel 2019.

Nell’ottobre del 2020, 1,8 miliardi di dollari di investimenti esteri sono entrati nel settore produttivo, secondo la Banca centrale. Tuttavia, nello stesso periodo dell’anno precedente, l’importo era stato di 8,2 miliardi di dollari.

Nel periodo di 12 mesi fino a ottobre del 2020, il saldo di investimenti esteri è stato di 43,5 miliardi di dollari, che rappresenta il 2,94% del prodotto interno lordo brasiliano (PIL).

La stima della Banca Centrale è che gli investimenti esteri diretti nel Paese raggiungeranno i 50 miliardi di dollari nel 2020. Questo valore è stato aggiornato nell’ultimo rapporto trimestrale d’inflazione (RTI), a dicembre del 2020.

I piani di privatizzazione del Governo Federale, che avevano una portata più modesta del previsto, non sono stati capaci di attrarre una quantità di investimenti sufficiente a coprire le perdite causate dalla pandemia e dall’instabilità e dall’incertezza economica che il Paese attraversa.

Ad ogni modo, l’aspettativa è che il Brasile rimanga tra i principali destinatari di investimenti esteri diretti nel mondo. Secondo il “2020 e-Handbook of Statistics”, formulato dall’UNCTAD, il Brasile è stato il settimo Paese che ha ricevuto il maggior numero di investimenti diretti esteri nel 2019, arrivando alla cifra di 72 miliardi di dollari. Il valore è il più alto tra i paesi in via di sviluppo. Lo studio sottolinea che il Brasile è ancora un importante partner commerciale e un luogo per investimenti redditizi.

Alcuni dei buoni motivi per investire in Brasile sono: il suo immenso mercato di consumo, il sesto più grande del mondo; il tasso di cambio vantaggioso al momento; la grande estensione territoriale del paese, che permette una serie di attività economiche diverse; e le importanti lacune che possono essere sfruttate dal capitale straniero, tanto in attività produttive così come nelle opere infrastrutturali, ad esempio.

Fonte: https://bit.ly/38vS577

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera Italo-Brasiliana di Commercio e Industria di Rio de Janeiro)

Ultima modifica: Mercoledì 1 Settembre 2021
Venerdì 30 Luglio 2021

Trovata un’intesa sulla protezione dei dati personali tra Regno Unito ed Unione Europea

La Commissione Europea ha affermato che gli standard del Regno Unito per la protezione dei dati personali sono sufficientemente elevati da consentire il flusso di informazioni tra l’Unione Europea e il suo ex Stato membro.

L'organo esecutivo dell'UE ha preso due decisioni di "adeguatezza" riguardo alla questione di protezione dei dati personali, le quali riguardano il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell'UE e la direttiva sul trattamento dei dati personali connessi a reati, in particolare per quanto concerne le vittime, i testimoni e gli indagati per gli stessi.

Le decisioni riguardano le imprese del Regno Unito che fanno uso di flussi di dati internazionali o che operano all'interno dell'UE e hanno bisogno di accedere ai dati dei propri clienti. Esse garantirebbero inoltre il flusso di dati personali per polizia e pubblici ministeri che indagano sulla criminalità transfrontaliera.

Le decisioni di adeguatezza saranno rinnovate dopo quattro anni se le regole del Regno Unito andranno a corrispondere agli standard dell'UE. La Commissione potrebbe anche intervenire durante il quadriennio se il paese si discostasse dall'attuale livello di protezione.

Tale sviluppo era atteso entro la scadenza del 30 giugno, la quale avrebbe terminato il periodo semestrale di transizione post-Brexit. Gli Stati membri dell'UE hanno sostenuto le proposte della Commissione all'inizio di questo mese, in maniera simile a quanto già fatto con gli standard sui dati di paesi come Argentina, Canada, Israele, Giappone, Nuova Zelanda e Svizzera.

Fonte: https://reut.rs/3rAq1Iy

 

(Contenuto editoriale a cura di The Italian Chamber of Commerce and Industry for the United Kingdom)

Ultima modifica: Venerdì 30 Luglio 2021
Venerdì 30 Luglio 2021

Annunciato nel Regno Unito un piano da 1,6 miliardi di sterline per il più grande impianto di stoccaggio di idrogeno del paese

Agli albori di una nuova epoca a zero emissioni nette fortemente basata sull’idrogeno, è stato presentato un piano da 1,6 miliardi di sterline per riutilizzare e riconvertire il più grande impianto di stoccaggio di gas del Regno Unito.

A sole 19 miglia dalla costa dello Yorkshire orientale, è allo studio una proposta per convertire l'enorme bacino idrico di Rough in un impianto di gestione del carburante a basse emissioni di diossido carbonio.

I capi di Centrica Storage credono che un finanziamento del governo per la riconversione dell’impianto possa fornire una soluzione alla produzione energetica intermittente, creando al contempo 400 posti di lavoro permanenti e proteggendone altre centinaia.

Greg McKenna, amministratore delegato di Centrica Storage, ha inoltre dichiarato: “Il progetto ha la grande qualità di adattarsi perfettamente all'intera strategia verde dell'Humber basata sull’idrogeno; ci sarà infatti la necessità di stoccare l’idrogeno in eccesso.

“Osservando la regione, siamo nella posizione unica di poter lavorare con l'intera economia dell'idrogeno e della decarbonizzazione. Il fatto che possiamo produrre ed immagazzinare idrogeno in loco apporterà una riduzione significativa delle emissioni di CO2 nel Regno Unito”.

Rough è descritto come il "Riccioli d'oro" del settore in quanto soddisfa i requisiti di temperatura, dimensioni e vicinanza al terreno. Situato a 2,5 km sotto il fondale marino, il bacino è lungo 10 km, largo 3 km e spesso più di 30 metri. Completamente sigillata da pietra impermeabile, la formazione spugnosa è 3000 volte più grande del campo di Wembley.

Il segretario per il business e l'energia Kwasi Kwarteng, dopo aver parlato con i leader dell’azienda, si è definito ottimista, affermando che: "L'intera regione potrebbe diventare un fiore all'occhiello per la riconversione energetica".

Fonte: https://bit.ly/3rCENOX

 

(Contenuto editoriale a cura di The Italian Chamber of Commerce and Industry for the United Kingdom)

Ultima modifica: Venerdì 3 Settembre 2021
Venerdì 30 Luglio 2021

Espansione dell’impianto solare fotovoltaico di São Gonçalo - Brasile

Enel Green Power Brasil Participações Ltda (“EGPB”), la controllata brasiliana del Gruppo Enel per le rinnovabili, ha avviato le operazioni commerciali per l’espansione da 133 MW dell’impianto solare fotovoltaico di São Gonçalo da 475 MW già in funzione, il più grande impianto del suo genere in Sudamerica, che si trova a São Gonçalo do Gurguéia, nello stato nordorientale di Piauí, in Brasile. La costruzione della sezione da 133 MW ha comportato un investimento di circa 422 milioni di real brasiliani, pari a circa 100 milioni di euro.

Nell’agosto 2019, Enel ha annunciato l’avvio della costruzione dell’ampliamento da 133 MW del parco solare, che è oggi in funzione. Prima di questo era stata avviata la costruzione della prima sezione di 475 MW di São Gonçalo nell’ottobre 2018, collegata poi alla rete nel gennaio 2020.

Si prevede che la nuova espansione da 256 MW, la cui costruzione è stata avviata nel 2020, entrerà in esercizio nel 2021 e porterà la capacità totale di São Gonçalo a 864 MW, facendolo diventare il più grande impianto di produzione di energia di Enel in costruzione nel mondo. Il Gruppo Enel investirà circa 735 milioni di real brasiliani, pari a circa 142 milioni di dollari USA, nella costruzione della terza sezione dell’impianto.

L’intero parco solare di São Gonçalo da 864 MW comprenderà più di 2,2 milioni di pannelli solari e, una volta completamente in funzione, sarà in grado di generare annualmente più di 2,2 TWh, riducendo ogni anno l’emissione nell’atmosfera di oltre 1,2 milioni di tonnellate di CO2. São Gonçalo è il primo impianto di Enel in Brasile a utilizzare moduli solari bifacciali che catturano l’energia solare su entrambi i lati del pannello. Grazie all’uso di questa tecnologia, si prevede un aumento della generazione di energia fino al 18%.

Il totale della capacità installata di São Gonçalo comprende:

  • 599 MW, che includono i 256 MW della terza sezione, i 133 MW della seconda sezione e una parte da 210 MW della prima sezione e sono supportati da contratti di fornitura energetica negoziati con clienti corporate sul mercato libero dell’energia brasiliano;
  • I restanti 265 MW della prima sezione, che sono supportati da contratti di fornitura ventennali con un gruppo di società di distribuzione che operano nel mercato tutelato del Paese.

Durante la costruzione dell’impianto, sono stati attivati rigorosi protocolli di sicurezza, tenendo conto della pandemia in corso e delle indicazioni delle autorità sanitarie, allo scopo di assicurare la protezione necessaria ai lavoratori impegnati nella costruzione e alle comunità al cui interno viene installato il parco. La società ha definito delle linee guida rigorose per i viaggi, che includono la quarantena preventiva quando i lavoratori si spostano in città al di fuori della regione del sito di costruzione, la sanificazione potenziata di strutture, veicoli e ambienti nei siti di costruzione e misure per assicurare pratiche di lavoro sicure. Nel sito di costruzione, le squadre e le operazioni sono state strutturate in modo da mantenere il distanziamento sociale. Enel, inoltre, ha sottoposto a test tutti i dipendenti impegnati nei siti di costruzione.

In Brasile, attraverso le controllate EGPB ed Enel Brasil, il Gruppo Enel ha una capacità rinnovabile installata totale di oltre 3,4 GW, di cui 1.210 MW da fonte eolica, 979 MW da fonte solare e 1.269 MW da fonte idroelettrica.

Fonte: https://bit.ly/2V9rA3Z

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera Italo-Brasiliana di Commercio e Industria di Rio de Janeiro)

Ultima modifica: Venerdì 30 Luglio 2021
Venerdì 30 Luglio 2021

Nel Regno Unito i prezzi delle case raggiungono il livello più alto dal 2004

Nel mese di giugno i prezzi delle case del Regno Unito hanno raggiunto il livello più alto degli ultimi 16 anni, salendo del 13,4% rispetto al giugno 2020. L’ente finanziario Nationwide prevede inoltre che la domanda rimarrà forte fino a quando l'agevolazione fiscale da Coronavirus resterà in vigore.

"Mentre tale tendenza è in parte dovuta agli effetti di un mercato immobiliare insolitamente debole durante la scorsa estate, complice il primo lockdown, il mercato attuale continua invece a mostrare segnali ampiamente positivi", ha detto martedì il capo economista di Nationwide Robert Gardner.

Gli economisti intervistati da Reuters prevedono un aumento dei prezzi del 13,7% in termini annuali e dello 0,7% in termini mensili.

L'agevolazione fiscale, introdotta lo scorso anno nell'ambito del piano di sostegno di emergenza all'economia del paese proposto dal ministro delle finanze Rishi Sunak, era originariamente programmata fino alla fine di marzo. Nonostante ciò, 500.000 sterline di qualsiasi acquisto di proprietà in Inghilterra o Irlanda del Nord resteranno esenti da tassazione fino alla fine di giugno, mentre un'indennità esentasse di 250.000 sterline verrà mantenuta fino alla fine di settembre.

"Durante la completa riapertura dell’economia del paese è probabile che la domanda rimanga forte nel breve termine. La fiducia dei consumatori è tornata ad essere alta e i costi di finanziamento rimangono invece bassi. Ciò, combinato con un’offerta limitata, suggerisce ulteriori pressioni al rialzo sui prezzi. Nonostante ciò, le prospettive sono più difficili da prevedere avvicinandoci alla fine dell'anno", ha affermato Gardner.

Fonte: https://reut.rs/37a8GN7

 

(Contenuto editoriale a cura di The Italian Chamber of Commerce and Industry for the United Kingdom)

Ultima modifica: Venerdì 30 Luglio 2021
Venerdì 30 Luglio 2021

Brasile: CONFAZ pubblica nuovi protocolli di applicazione dell'ICMS modificando la politica fiscale dei vini

Il CONFAZ – Consiglio Nazionale per le Politiche Agricole – legato al Ministero dell’Economia ha pubblicato i nuovi protocolli per l’applicazione dell’ICMS, cambiando la politica fiscale dei vini. A partire dal 1 aprile, gli stati di Alagoas, Mato Grosso do Sul, Espirito Santo, Minas Gerais, Rio de Janeiro e il Distretto Federale si ritirano dall’applicazione della sostituzione fiscale.

Così nessuna unità federativa starà soggetta al regime dell’imposta fiscale che segna la fine della ST per i vini.

La controversa tassa esiste dagli anni ’60 e ha cominciato ad essere applicata al vino per alcuni stati nel 2006 e nel 2012 tutte le unità federali hanno già applicato la sostituzione fiscale. Il movimento per porre fine alla ST è cominciato alla fine del 2019 e all’inizio del 2020 con Paraná, Rio Grande do Sul e San Paolo e si è esteso agli altri stati.

Fonte: https://bit.ly/3eNGBzr

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera Italo-Brasiliana di Commercio e Industria di Rio de Janeiro)

Ultima modifica: Lunedì 30 Agosto 2021
Venerdì 30 Luglio 2021

Primo quadrimestre 2021: la Turchia realizza 950 milioni di dollari di vendite nei settori della difesa e prodotti aerospaziali

Secondo i dati del Ministero del Commercio e dell'Assemblea degli Esportatori turchi (TIM), l'industria turca dell’aerospazio e difesa ha totalizzato $ 950 milioni di esportazioni nei primi quattro mesi del 2021, mentre le esportazioni del settore sono aumentate del 47,7% rispetto allo stesso periodo del 2020. Gli Stati Uniti sono stati il principale mercato di esportazione per i settori dell'industria dell'aerospazio e difesa con oltre $ 386 milioni nel periodo, in crescita del 56% rispetto al precedente anno, seguiti da Azerbaigian con esportazioni per $ 117,3 milioni, in aumento del 1,234%, ed Emirati Arabi Uniti con $ 90,3 milioni.

 

(Contenuto editoriale a cura della Camera di Commercio e Industria Italiana in Turchia)

Ultima modifica: Venerdì 30 Luglio 2021